Calamarata con pomodorini e cozze al pepe nero

Oggi facciamo un viaggio nella tradizione della costa campana, proponendo un primo piatto a base di calamarata con cozze, pomodorini e pepe nero.
La calamarata è sia il nome di un piatto, sia un formato di pasta. Simile ai paccheri, dalla forma cilindrica e stretta, ma con una superficie liscia e senza rigature, viene solitamente condita con totani, calamari e pomodorini. Questo tipo di pasta prende il nome per la somiglianza con il calamaro, infatti quando il piatto viene servito a tavola, a volte, non si riesce a distinguere l’anello di pesce dall’anello di pasta.

Ingredienti per quattro persone:
350 g di calamarata
500 g di cozze
200 g di pomodorini
1 bicchiere di vino bianco
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
3 spicchi di aglio
pepe nero q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.
sale q.b.
prezzemolo q.b.

Preparazione:
Iniziamo con la preparazione delle cozze che vanno risciacquate bene sotto l’acqua corrente e poi messe in un recipiente capiente. Con il dorso della lama di un coltello eliminiamo tutte le impurità presenti sul guscio e stacchiamo il bisso che fuoriesce dalle valve.

Versiamo quindi le cozze in una padella capiente e facciamole cucinare a fiamma bassa fino a che non si saranno aperte. Se alcuni frutti di mare durante la cottura resteranno chiusi dobbiamo buttarli via, evitando di insistere ad aprirli.

Contemporaneamente, in un pentolino a parte, scaldiamo l’olio lasciandolo soffriggere per 2 minuti con uno spicchio di aglio. Uniamo quindi le cozze con l’olio aromatizzato e mescoliamo a fuoco spento.

In un’altra padella versiamo olio, uno spicchio di aglio, lasciandolo in camicia se non vogliamo enfatizzarne troppo il gusto, e i pomodorini e lasciamo cuocere per qualche minuto.
Uniamo poi le cozze con i pomodorini e sfumiamo il tutto con un goccio di vino bianco.

La pasta precedentemente messa in cottura, va tolta dal fuoco quando è ancora al dente: controllate i tempi di cottura nella confezione da voi scelta, e togliete la calamarata dal fuoco 1 minuto prima rispetto a quanto indicato.

Uniamo quindi tutte le preparazioni aggiungendo un bicchiere di acqua di cottura della calamarata e lasciamo amalgamare la pasta in questo sugo, in modo che ne prenda il gusto e finisca la sua cottura.

Serviamo in tavola il piatto caldo, decorato a piacimento con qualche foglia di prezzemolo e una generosa macinata di pepe nero.